Al Teatro Principe di Milano Caccia batte Del Vecchio di stretta misura

Il match event del Teatro Principe di Viale  Bligny, nella riunione organizzata della Opi Gym e dalla Opi Since 82, prometteva emozioni e così è stato.
Davanti ad un pubblico che ha gremito ogni ordine di posti, l’ex campione italiano dei welter Alessandro Caccia (16-1-1) ha battutoEdoardo Del Vecchio (7-3), dopo un match combattutissimo cadenzato dagli applausi del pubblico. Inizio veemente di Del Vecchio che ha messo al tappeto il ferrarese con un preciso colpo.  L’allievo del maestro Ciotoli è sembrato molto determinato e concreto e Caccia ha iniziato a  risalire solo alla terza ripresa, quando ha colpito con un duro destro l’avversario. Poi il match si è sviluppato secondo i canoni previsti, dove l’esperienza di Caccia ha fatto la differenza assieme ai suoi destri. Vittoria per Caccia. ma Del Vecchio scende dal ring a testa alta .
Nei supermedi, il 22enne piemontese Ivan Zucco ha  battuto nettamente ai punti il giovane serbo Stefan Paunovc. Nei superpiuma,Osvaldo Gagliardi ha pareggiato con  Andrea  Sito dopo un match piacevole e molto combattuto. Il 76 kg. milanese Riccardo Merafinaha dominato e messo ko al primo round  il 27enne serbo Jovan Stojilikovic.

Fonte: http://www.boxeringweb.net

Michele Esposito determinato a riprendersi domani il Tricolore dei welter

Michele Esposito rivuole quel titolo italiano dei welter perso in un altro marzo (2017) quando, in una serata sfortunata, una ferita gli impedì di terminare il match contro Loriga, a Crotone.

Domani sera ci riprova con una nuova verve, un nuovo manager, contro un nuovo avversario. A Cernusco sul Naviglio, nella proposta di Mario Loreni, “The Machine Man”  Michele si batte contro Nicola Cristofori. Combatte praticamente in casa. Da Varese verranno in tanti per applaudirlo e lui non vuole deludere i suoi fan:

Risultati immagini per Michele Esposito  campione italiano  boxer Photos

“Ho avuto solo 25 giorni per prepararmi, ma li ho fatti bastare. La posta è molto importante per me e ho lavorato con il massimo impegno. Negli ultimi mesi ho frequentato giornalmente la palestra, quindi fisicamente mi sentivo pronto e ho accettato subito la proposta. Era una occasione da non perdere e anche il mio maestro Vincenzo Ciotoli era d’accordo. La preparazione è stata breve, ma abbiamo sfruttato ogni minuto.  Fondo, tempo, esplosività sono stati ben distribuiti e i test-match che abbiamo fatto nella mia palestra Forza & Coraggio e alla Opy Gym sono stati tutti positivi. Sono veramente soddisfatto”.

Il tuo avversario Cristofori è guardia destra tecnico, dotato di mobilità e colpo d’occhio;  come pensi di affrontarlo?

“Ciotoli ha preparato un disegno tattico molto accurato, che domani dovrò mettere in pratica minuziosamente. Combatto contro un mancino e ho disputato decine e decine di riprese di sparring con avversari di quella guardia. Lui è un tipo sfuggente, che cercherà di prendermi il tempo, ma io risponderò con i miei punti di forza, che sono il ritmo e le fasi d’attacco”.

Come hai ammortizzato la sconfitta con Loriga?

“Con il lavoro e con la ricerca di nuovi stimoli. La ferita che mi ha messo fuori causa non era pericolosa. Per suturarla sono bastati due o tre punti. Purtroppo usciva parecchio sangue ed è stata per questo considerata pericolosa. Il match era tutto da giocare e non pensavo nemmeno di essere in svantaggio ai punti, ma ho dovuto farmene una ragione. Ora  mi sono affidato al manager Cristian Cherchi e quindi riparto verso nuovi percorsi. Spero di combattere spesso e magari per un titolo internazionale, ma prima devo vincere a Cernusco. Per me, quello con Cristofori, sarà un gran bel duello. Un tecnico contro un fighter. La miscela è quella giusta”.

Avrai l’appoggio di molti tifosi in arrivo da Varese…

“In effetti, dovrebbero partire un pullman e tante autovetture. Sono molto motivato da questo e farò di tutto per vincere. Mi conforta avere all’angolo il mio maestro di sempre  Vincenzo Ciotoli e il preparatore atletico Iuri Norcini. Se ci saranno correzioni tecnico-tattiche durante il match, mi consiglieranno per il meglio. Voglio disputare un combattimento ad alta intensità e riprendermi quel titolo che ho perso per sfortuna”.

Fonte: http://www.boxeringweb.net

La Fabbrica dei pesi welter….

Sono trascorsi solamente due anni da quel 20 giugno del 2014 quando a Piacenza Antonio Moscatiello vinse il titolo d’Italia dei pesi welter, battendo per Ko alla 3a ripresa Paolo Lazzari. Oggi siamo nuovamente qui a festeggiare la conquista dello stesso titolo nei pesi welter, la categoria piu’ affollata e difficile del panorama professionistico italiano.
Michele Esposito ci ha regalato una vittoria, anche lui in quel di Piacenza, anche lui prima del limite (Kot  alla 9a ripresa) riportando alla Forza e Coraggio quella cintura che ormai sembra essere di casa da queste parti. Ha dimostrato forza, cuore, carattere ed una notevole crescita tecnica.
Una storia di sacrifici, una scommessa sulla propria carriera quella del pugile varesino, in un momento in cui è difficile fare pugilato in Italia e dove le borse non consentono di praticare solamente la boxe. Bisogna lavorare. Alzarsi alle 4.30 di mattina per allenarsi, andare al lavoro, e allenarsi nuovamente venendo a Milano, per affidarsi alle “cure” del Maestro Vincenzo Ciotoli, che lo segue da quando è passato al professionismo. Un legame molto forte con il suo insegnante, perchè se è vero che il pugile fa dei sacrifici, questo è altrettanto vero per il suo Maestro, si vive in simbiosi.
Dice Ciotoli :” Il match lo avevamo preparato bene, nei minimi particolari, provando e riprovando in palestra situazioni e combinazioni, che poi sono state quelle che hanno risolto il combattimento. Mazzoni io lo conoscevo per averlo già affrontato con Moscatiello, quindi il lavoro e la strategia sono stati pianificati a tavolino. In piu’ abbiamo fatto sparring con Michele Di Rocco, Gianluca Frezza, Edoardo Del Vecchio, tre professionisti con stili e modi di combattere diversi tra loro. Ero molto fiducioso nella vittoria e sono molto felice per aver conquistato per due volte, con pugili diversi, ma nella stessa categoria di peso, il Titolo d’Italia. Un piccolo record.”
L’esperienza che i due vivono all’angolo nel ring unisce come non mai. “ Durante il match contro Mazzoni, alla 8a ripresa il mio Maestro mi ha scrollato, ha dichiarato Esposito : …”ti stai addormentando, gli stai lasciando la possibilità di rientrare, di rendersi pericoloso. Vai dentro e chiudi il match”e cosi ho fatto, ho seguito alla lettera le indicazioni del mio coach. Sono Campione d’Italia, un sogno che si è realizzato e ancora non ci credo!!”
Per tutti noi della Forza e Coraggio Boxe Milano un motivo in piu’ per essere orgogliosi, per esaltare il senso di appartenenza a questa Famiglia. Gran parte dei compagni di palestra, agonisti ed amatori erano presenti sulle tribune del Palazzetto di Piacenza per incitare Michele, un tifo infernale assieme ai sostenitori (circa duecento n.d.r.) accorsi da Varese. Una serata che per noi resterà indimenticabile.
Passata l’ euforia adesso si ricomincia a lavorare, a sudare e faticare in palestra, e se vale il proverbio “..non c’è due senza tre….”
I pesi welter sono avvisati…..
Forza e Coraggio 1870 Boxe Milano

Michele Esposito sabato andrà all’assalto del campione italiano Caccia con tanta determinazione

eSPOSITO mICHELE

Michele Esposito,29 anni, di Casale Litta in provincia di Varese ha un appuntamento sabato a Ferrara che potrebbe cambiare volto alla sua carriera. Professionista dal 2010, ha disputato dieci match raccogliendo otto vittorie e la possibilità di sfidare il campione italiano dei welter Alessandro Caccia è arrivata in una seta d’agosto,
all’improvviso :

– Mi hanno proposto il match tricolore dopo la mia vittoria a Gatteo Mare il 28 agosto. Non ci ho pensato nemmeno un attimo e ho accettato. Dopo pochi giorni ero alla Forza & Coraggio di Milano a lavorare duro con il mio maestro di sempre Vincenzo Ciotoli . In questi due mesi non ho smesso un attimo di allenarmi. La mia ditta “Il Giardiniere di Varese” ha avuto la sensibilità di lasciarmi gli spazi per la preparazione e arriverò sabato sera al match di Ferrara al meglio della forma . Sono in peso già da parecchi giorni –

BRW- La tua è una autentica impresa. Il campione Caccia è un fighter, ha più esperienza ed è reduce dalla conquista di due titoli consecutivamente …

ESPOSITO– Caccia è un bel pugile che stimo e ammiro . L’ho visto combattere dal vivo un paio di volte. E’ naturale che sia il favorito in questa che è sicuramente la sfida più impegnativa della mia carriera, ma ogni match ha la sua storia. Sul ring ci saremo solo io e lui. Io sono un combattente che non ha paura. Ho forti motivazioni e ai miei avversari non do tregua . Non faccio proclami dico solo che mi batterò con tutte le mie forze –

BRW – Al massimo in carriera hai disputato sei riprese e sabato ti misurerai sulle dieci. Non temi la distanza ? Quale tattica adotterai ?

ESPOSITO- In palestra ho disputato più volte otto e dieci riprese nella stessa sessione. Ho lavorato sulla distanza con i compagni di palestra della Forza & Coraggio e ho fatto i guanti con l’ex campione italiano Antonio Moscatiello. Incrociare i guantoni con un elemento di valore come Moscatiello mi è stato molto utile. Mi sento in grado fisicamente di arrivare alla fine dei round programmati senza problemi. Il maestro Ciotoli in questa mia preparazione non ha trascurato nulla e la cosa mi ha regalato molta tranquillità. So cosa posso fare e la strategia che abbiamo preparato la vedrete sul quadrato . Se ci sarà qualche cosa da cambiare il mio maestro me lo dirà-

BRW. Combatti “in casa “ di Caccia .Ci sarà al PalaHilton tifo anche per te ?

ESPOSITO– Aspetto da Varese tanti amici. Forse un centinaio che arriveranno a Ferrara anche con un pullman. Mi daranno   tante motivazioni. Non voglio deluderli. Sogno di regalare la mia vittoria ai miei genitori a Ciotoli ,che è un maestro di boxe e di vita ma anche un a vero amico ,e a tutti quelli che mi seguono anche in questa avventura di Ferrara-

Fonte: http://news.boxeringweb.net/

Intervista a maestro Vincenzo Ciotoli della Forza e Coraggio Boxe Milano 1870

Vincenzo Ciotoli è il maestro del peso piuma Suat Laze, pugile italo-albanese dell’organizzazione di Rosanna Conti Cavini. A lui abbiamo chiesto di fare chiarezza rispetto alla polemica messa in campo da un giornalista sulla riunione di sabato scorso tenuta alla palestra “Forza e Coraggio” di Milano, Continua a leggere