La riunione organizzata dalla Forza e Coraggio 1870 Boxe Milano

Milano, 20 Aprile 2013
Successo di pubblico ieri sera, accorso numeroso alla tradizionale serata di boxe organizzata da Vincenzo Ciotoli, Maestro della Società Milanese.

Il tempo atmosferico ha favorito sino all’inizio degli incontri l’affluenza delle circa trecento persone presenti. Un tifo scatenato ha accolto ogni incontro dei pugili locali  appena essi  facevano il loro ingresso sul ring della Forza e Coraggio.
Bilancio positivo per la Società organizzatrice che su 7 pugili ha conseguito 5 vittorie e 2 sconfitte. Il programma prevedeva 9 incontri di cartello, tra i quali 3 fra prima serie, 3 fra seconda, 1 fra terza serie e 2 fra youth.
La serata ha inizio con il primo match fra DiSciascio della Forza e Coraggio Boxe Milano 1870 e Pascal Vitalie della Fight Club di Milano.
Il pugilino di casa in realtà non è mai salito sul ring. Opaca e con poca grinta la sua prestazione, sempre troppo attendista e con pochi colpi portati all’attivo. In cambio il suo giovane coetaneo ha dimostrato di avere le idee chiare e con determinazione ha cercato la meritata vittoria.
Ci si aspettava un grande match da Scalcione (Palumbo Dax Boxe) premiato nel corso della serata per aver recentemente vinto il Torneo Azzurrini di Adria, ma il suo avversario Siino della Monlabe lo ha irretito. Forse la tattica un pò troppo attendista di Scalcione non lo ha sufficientemente premiato, ma il milanese è stato comunque bravo. Rivincita necessaria per capire qualcosa di più.
Un tifo da stadio (e non per modo di dire)  ha accompagnato l’ ingresso di Tempera superwelter della Forza e Coraggio, ma anche ultras dell’ Inter e quindi seguitissimo dagli amici della curva. Il combattimento con Scorsetti della pugilistica Cremasca è stato avvincente e in bilico sino alla fine. I due ragazzi sono simili, dotati di buona tecnica, ma se le danno di santa ragione. Ha prevalso Tempera per quella maggiore voglia di vincere e per un finale al calor bianco.
Belfiore ( FeC) ha dato prova di una buona tecnica. Ben impostato in linea ha boxato con eleganza e senza strafare ha avuto ragione del coraggioso e indomito Brignoli della Panthers Lauri di Varese, con il verdetto che non è mai stato in discussione.
Stesso discorso vale per il bravo Tartaglia (FeC) che non riusciva subito a prendere le misure dello scorbutico e irruento Triveri della iSport di Milano. Con il passare delle riprese  però il pugile della FeC ha potuto far valere il proprio miglior bagaglio tecnico aggiudicandosi l’incontro.
Una vera battaglia invece il match tra Ferrante (FeC) e Fenderico della Nuova Comense. Quest’ultimo veniva da una vittoria nei confronti del primo, ottenuta nel torneo di Rovereto. La voglia di rivalsa del milanese era palpabile. Dall’inizio del gong sino alla fine, i due atleti hanno dato prova di un bagaglio pugilistico completo, portando tutti i colpi del pugilato, dando vita ad un incontro emozionante. Sempre avanti il comasco, boxando andando indietro il milanese, che pur essendo piu’ alto, ha accettato anche la corta distanza più congeniale alle caratteristiche del suo avversario. Nonostante sia stato ammonito troppo frettolosamente, dopo solo due avvertimenti per non aver “girato” un gancio sinistro, il portacolori della Forza e Coraggio è riuscito a fare suo il match, ma va detto che anche un pari non avrebbe scandalizzato. Numerose perplessità tra gli addetti ai lavori, per l’arbitraggio di questo incontro.
Vittoria discussa e contestata quella di Miano (Panthers Lauri) su Ricevuti della Domino di Milano. Due combattenti, tra i quali urge la rivincita.
El Kadimi Skalli, dotato peso welter del Maestro Ciotoli, non è invece riuscito a confermare il successo che aveva ottenuto su Caserio della Pugilistica di Pavia, nella semifinale dei Campionati Regionali.
Qualche volta El Kadimi  rimaneva qualche volta di troppo sui colpi e  perdeva spesso l’opportunità di rientrare dopo aver mandato a vuoto il suo avversario. Ci è parso che ascoltasse poco il proprio angolo che gli suggeriva opportunamente una tattica diversa e alla fine ha pagato la propria condotta del match con una sconfitta.
Caserio si è dimostrato molto attento e con un pizzico di esperienza in più. Urge la “bella” tra il milanese ed il mancino pavese.
Poco da dire invece sul match di Tatulli (FeC), che ad onor del vero ha però cominciato male la prima ripresa perdendola con Seck Khadim, moro della Rally Auto Crema.
Questo pugile, dotato di lunghe leve e di fisico statuario, con ancora fiato a disposizione ha messo in difficoltà Tatulli che non riusciva a trovare la giusta misura. Nelle successive due riprese è stato però un monologo del pupillo di Ciotoli che ha disposto a piacimento del match.
Dispiace dire che lo stesso referee che aveva precedentemente arbitrato il match di Ferrante, applicando il regolamento in maniera molto fiscale, in questo incontro non ha usato lo stesso metro di giudizio, e siamo ancora qui a chiederci il perchè.
I Risultati nel dettaglio:
Pascal Vitalie Pug. Fight Club MI  Youth Kg 60   VP  Di Sciascio Andrea FeC
Siino Federico  Monlabe Mi Youth Kg 57  VP Scalcione Gerardo Palumbo Boxe
Tempera Carmelo FeC Senior 3a Kg 69  VP  Scorsetti Andrea Acc. Pug.
Cremasca
Belfiore Salvatore FeC Senior 2a Kg 69   VP    Brignoli Marco Panthers Lauri
Tartaglia Marco FeC Senior 2a Kg 75       VP    Triveri Claudio iSport Mi
Ferrante Cristian FeC Senior 2a Kg 81     VP    Fenderico Riccardo Nuova Pug. Comense
Miano Marco  Panthers Lauri 1a Kg 75   VP        Ricevuti Mauro Domino Mi
Caserio Andrea Ass. Pugilistica Pavia1a Kg 64   VP  El Kadimi Shakib Skalli FeC
Tatulli Luca FeC Senior 1a Kg 64     VP   Seck Khadim Boxe Rally Auto Crema
Ufficio Stampa Forza e Coraggio 1870
Boxe Milano
Tratto da: http://news.boxeringweb.net/